MATEX WEB TV dell'innovazione, cultura e pubblica utilità

Le città intelligenti del futuro si affidano all’innovazione

Published by Redazione on

Ti trovi qui: Home // News // Innovazione // Le città intelligenti del futuro si affidano all’innovazione

Nella città cinese di Hangzhou, una tecnologia intelligente basata sull’intelligenza artificiale chiamata “City Brain” ha contribuito a ridurre gli ingorghi del 15%. Durante la pandemia, la città di New York ha analizzato i dati relativi ai cambiamenti del modello di spesa in quartieri specifici per allocare meglio l’erogazione degli aiuti e le priorità di investimento. E la città di San Diego è stata lodata per essersi avvicinata alla costruzione della città con un “focus incentrato sul cittadino”, grazie in parte all’uso di app mobili e all’espansione degli open data, insieme al suo strumento di segnalazione dei cittadini Get It Done.

Le città intelligenti stanno nascendo in tutto il mondo a un ritmo crescente e stanno rapidamente diventando strutture modello per i centri urbani pronti per il futuro che cercano di migliorare il modo in cui raccolgono e analizzano i dati dei cittadini. Ciò che tutti hanno in comune è il modo in cui investono risorse e tempo nello sviluppo di soluzioni incentrate sulla città per affrontare l’ampia fascia di sfide della città: gestione dei rifiuti e dell’acqua, sicurezza pubblica, trasporti, monitoraggio della qualità dell’aria, traffico e parcheggi, lavori pubblici, Wi-Fi e altro ancora.

Ciò su cui si basa il futuro delle città, soprattutto quando si stanno riprendendo da una devastante pandemia, è l’innovazione traboccante di centinaia di progetti costruiti per rispondere a una domanda fondamentale: come possiamo sfruttare i dati dalle tecnologie delle città intelligenti per consentire alle città digitalmente di adattarsi e prosperare?

Quando le città si ravvivano, vincono tutti

Per le città che considerano i pro e i contro dell’adozione di nuove tecnologie, è difficile discutere con i dati: entro il 2025, le città che implementano applicazioni di mobilità intelligente hanno il potenziale per ridurre i tempi di percorrenza del 20% in media, con alcune persone che godono di riduzioni ancora maggiori. È quanto ha indicato un recente rapporto.

Prendi l’irrigatore che i tuoi vicini hanno attivato automaticamente questo fine settimana dopo che ha piovuto. Se le città implementassero sensori e analisi per i modelli di consumo dell’acqua, che abbinano la misurazione avanzata a messaggi di feedback digitale, si potrebbero spingere le persone a ridurre il consumo del 25% nelle città in cui l’utilizzo di acqua residenziale è elevato.

Sebbene attualmente gran parte di questa tecnologia e dei dati IoT siano di proprietà del settore privato, è fondamentale colmare questo divario per aiutare il pubblico a comprendere meglio i propri comportamenti e l’impatto attraverso i dati. Inoltre, l’accesso a questi dati consentirà alle città di prendere decisioni migliori sulle risorse pubbliche e sui servizi.
Più dati una città può raccogliere sulle abitudini dei suoi cittadini, più è facile capire quali risorse possano essere allocate dove. E può anche salvare le vite. Nelle città del Nevada, l’intelligenza artificiale predittiva di Waycare offre una riduzione del 18% degli incidenti primari e una riduzione del 43% della percentuale di conducenti in eccesso di velocità lungo i corridoi chiave.
Alcune città non sono state all’altezza dei brillanti esempi di raccolta di dati a strati e analisi in tempo reale nei centri urbani. Il più delle volte, sono gravati da approcci burocratici e obsoleti alla raccolta dei dati.

C’è una disconnessione tra i comuni e le aziende che potrebbero avere dati IoT e le parti interessate, comprese quelle stesse città e gli sviluppatori privati che potrebbero trarne vantaggio. Le stesse vecchie strategie sulla raccolta dei dati, come sondaggi fisici e incontri infiniti da scegliere in ogni processo, dovrebbero essere gradualmente eliminate e consentire a un intermediario di aiutare a perfezionare la conversazione tra questi tre pilastri dello sviluppo della città.

Inoltre, le città devono affrontare il disagio che alcune persone possono provare riguardo alla tecnologia di sorveglianza, ad esempio. In Cina, dove quella tecnologia è stata a lungo la norma, sono persino preoccupati per come i loro dati verranno utilizzati dal loro governo: secondo un recente sondaggio della società tecnologica Tencent e dell’emittente statale cinese CCTV, quasi l’80% degli intervistati ha affermato di preoccupati per l’impatto dell’intelligenza artificiale sulla loro privacy. (…)

Sara Maffey

Condividici su

Guarda i video delle sezioni

Vuoi rimanere aggiornato sulle novità e le dirette di Matex TV?
Indicaci come possiamo avvisarti!

Benvenuto su MATEX Web Tv dell'innovazione, Cultura e Pubblica utilità, SCARICA la nostra APP

Install
×